Nella fossa

gio. 19 / 7 / 2018
ore 21.30
55 minuti
Biglietteria
Intero = 14 euro
Ridotto < 30 = 8 euro 
Ridotto < 14 = 4 euro

Nella fossa
Punta Corsara

DEBUTTO NAZIONALE

2048 in un punto preciso del Mondo.
Un becchino sta scavando una fossa. Con lui, un uomo affidabile, nel suo vestito chiaro, che non scava. Il suo compito è quello di far finire il lavoro in tempo.
Sono però entrambi ignari del motivo dello scavo. Per chi, per cosa, perché lo stanno facendo? Se lo chiedono ma non trovano risposta fino a che non è la risposta a trovare loro.
Dalla fossa, fuoriesce un segreto, forse un errore o comunque una assurda possibilità. Una vita sospesa, in attesa di un tempo migliore. Ed è lì che la fossa diventa quello che è: una fuga dal presente, uno sguardo ravvicinato attraverso il tempo, come sotto il fuoco di un microscopio, da cui la realtà riaffiora povera, affannata, miserabile, in un luogo non troppo lontano, in cui tutto e tutti si riscoprono sempre più distanti e sempre meno umani.

Nella fossa è il secondo testo scritto e diretto da Gianni Vastarella dopo Io, mia moglie e il miracolo, vincitore del premio I Teatri del Sacro 2015. Co-autore con Emanuele Valenti di Hamlet Travestie, e con Emanuele Valenti e Marina Dammacco dell’ultimo lavoro Una commedia di errori, presentato al Napoli Teatro Festival 2017, Gianni Vastarella è attore in tutti gli spettacoli di Punta Corsara.

In scena Giuseppina Cervizzi, Valeria Pollice (che ha collaborato alla drammaturgia) e Vincenzo Salzano. Fabrizio Nardi, sceneggiatore, collabora alla drammaturgia e come aiuto regia.

scritto e diretto da Gianni Vastarella

con Giuseppina Cervizzi, Valeria Pollice e Vincenzo Salzano

scene Armando Alovisi
disegno luci Giuseppe Di Lorenzo
costumi Daniela Salernitano
musiche originali Dario Maddaloni
collaborazione alla drammaturgia Fabrizio Nardi e Valeria Pollice
aiuto regia Fabrizio Nardi

produzione 369gradi e Punta Corsara
produzione esecutiva Marina Dammacco e Alessia Esposito
in collaborazione con ArtGarage Centro Coreografico e delle Arti Performative Contemporanee e  NEST Napoli Est Teatro
fotografie Marina Dammacco
un ringraziamento a Giuseppe Capasso