volt-gif-2

VOLTLABORATORI DI TEATRO AD ALTO POTENZIALE

è un nuovo progetto rivolto agli studenti delle Scuole dell’Infanzia, Primarie e Secondarie di I grado, promosso dall’Associazione Teatro Sociale di Gualtieri, dalle Amministrazioni Comunali di Gualtieri e di Boretto, dall’Istituto Comprensivo di Gualtieri, in collaborazione con la Scuola dell’Infanzia Paritaria Sant’Alberto di Gualtieri, che porta all’interno delle scuole 9 laboratori di teatro gratuiti che produrranno esperienze differenti sulla base di un tema comune.
Un moto di energia che sarà restituito all’intera comunità con uno spettacolare evento finale collettivo in cui ciascun laboratorio attivato nelle Scuole Primarie e Secondarie di I grado sommerà la propria “carica elettrica” a quella degli altri. Per le Scuole dell’Infanzia è previsto invece un evento finale “a porte aperte”, in cui ogni laboratorio presenterà ai genitori e a chiunque interessato le azioni e le strategie espressive che hanno caratterizzato l’intero percorso didattico.

TEMA GENERALE 2017 – Le avventure di Pinocchio

VOLT ogni anno si sviluppa partendo da un tema comune. Per il 2017 il tema proposto dall’Associazione sarà Pinocchio.
Le avventure di Pinocchio è un’opera straordinaria, conosciuta in tutto il mondo e seconda come numero di vendite solo a Bibbia e Corano.
VOLT vuole essere un’occasione per riscoprirla nella sua forma originale, non attraverso mediazioni disneyane e soprattutto non nella solita accezione di favola moralizzante, che porta Pinocchio-burattino a diventare Pinocchio-bambino-buono.

L’opera di Carlo Collodi nella molteplicità dei livelli interpretativi attraverso i quali è strutturata, può fornire spunti molto più interessanti, preziosi sia per i bambini delle Scuole dell’Infanzia e delle Elementari, negli aspetti più fantastico-fiabeschi; che per i ragazzi delle Medie, nei suoi aspetti di “romanzo nero” (Asor Rosa), o romanzo del terrore. Per riscoprire il Pinocchio originale di Collodi scarica la versione integrale a questo link.

SPETTACOLI FINALI

VOLT – IL PROGETTO TRIENNALE

Crediamo che il teatro dia la possibilità a ciascuno di sprigionare l’energia che racchiude in se stesso;
crediamo che questo permetta esperienze in grado di mettere in luce le nostre capacità, le nostre risorse e la nostra bellezza…
Insomma il nostro più alto potenziale.

Clicca per scoprire le linee guida generali del progetto

IL PROGETTO - Da dove nasce l’idea

L’Associazione Teatro Sociale di Gualtieri da 10 anni si impegna a promuovere spettacoli e attività ad essi connesse con l’obiettivo di incoraggiare l’interesse per la cultura facendo vivere il teatro e l’esperienza teatrale come momento di riflessione, di crescita personale e di opportunità per intessere relazioni.

Da questa riflessione sono nati due nuovi progetti che coinvolgono anche i più giovani: la rassegna di teatro ragazzi Gulp! Un teatro da ragazzi, realizzata a Maggio 2016 e il progetto Volt – Laboratori di Teatro ad alto potenziale, ovvero una serie di laboratori di teatro nelle Scuole aventi come obiettivo quello di migliorarne l’attrattività e di incrementare l’offerta culturale verso i più giovani, offrendo loro la possibilità di vivere esperienze in prima persona in campo teatrale.
Un progetto alla sua prima edizione che ogni anno si ripeterà rinnovandosi dal punto di vista dell’offerta teatrale e dei luoghi coinvolti, individuando sempre nuovi scorci nei paesi che costeggiano la riva del fiume Po per farli diventare vere e proprie “piazze” in cui incontrarsi.

I LABORATORI – Percorsi di formazione creativa

I laboratori teatrali all’interno delle scuole saranno gratuiti e strutturati come percorsi mirati condotti da figure esperte in compresenza con le insegnanti. Il lavoro con gli studenti sarà volto ad una crescita sia a livello personale che relazionale, ponendosi come obiettivi di:

• avvicinare i ragazzi al teatro;
• favorire un percorso di crescita personale lavorando col proprio corpo, sviluppando maggiore consapevolezza di sé e sperimentando “altri sé possibili”;
• favorire un percorso di crescita di “gruppo”, ovvero incoraggiare le relazioni interpersonali e creare un senso di appartenenza.

Il “fare teatro” dunque come mezzo espressivo che offre un tempo e uno spazio in cui mettersi alla prova e vivere un’esperienza creativa con i propri coetanei. Nel mese di novembre 2016, verrà distribuito in tutte le scuole un volantino con le informazioni sul progetto e le modalità di iscrizione. Gli studenti delle Scuole Primarie e della Scuola Secondaria di I grado interessati ad iscriversi ai laboratori potranno farlo restituendo alle proprie docenti l’apposita parte dedicata all’iscrizione che sarà riportata sul volantino.

EVENTI FINALI - Ogni anno un palcoscenico diverso

Ogni anno, a maggio, i laboratori realizzeranno un esito finale del loro percorso.

Per ciascuno dei 5 laboratori attivati all’interno delle Scuole dell’Infanzia sarà previsto a maggio uno spettacolo “a porte aperte”, che avrà luogo nelle rispettive sedi scolastiche. Genitori e familiari verranno coinvolti attivamente da bambini, insegnanti e conduttori di laboratorio che mostreranno loro quali sono state le scelte e il percorso svolto durante l’anno, in modo da coglierne il senso e lo sviluppo.

Per le Scuole Primarie e Secondarie di I grado è prevista invece la costruzione di un evento finale collettivo, che si terrà sempre in luoghi diversi dei comuni coinvolti; scenari urbani e naturali che verranno riscoperti e abitati dallo spettacolo.
Ciascun gruppo di giovani attori contribuirà a progettarne e realizzarne una parte, sotto la direzione artistica dei conduttori di laboratorio e dell’Associazione Teatro Sociale di Gualtieri. Ogni parte avrà un’identità propria e allo stesso tempo parteciperà a dare vita all’intero spettacolo. Sarebbe limitante pensare a tutto ciò solamente come uno spettacolo di fine anno. L’aspirazione è che sia qualcosa di più. Un evento vero e proprio. Un incontro per tutta la comunità gualtierese e per chiunque sia curioso di emozionarsi.

L’idea di avvicinare i ragazzi tra loro e farli costruire a più mani è supportata dalla scelta di proporre a tutti un tema generale, che cambierà di anno in anno. Adottare un tema unico non significa produrre repliche della stessa cosa, al contrario, la scommessa va nella direzione di un arricchimento, trovando tanti più modi e tante più rielaborazioni originali quante sono le teste che partecipano.